Il primo motore e stadio europeo a propulsione criogenica a metano (green)

Per realizzare il motore M10, è stato creato un team industriale europeo guidato dall’Italia (e Avio) che coinvolge aziende dall’Austria, Belgio, Francia, Repubblica Ceca, Romania e Svizzera.

Il motore M10il primo motore e stadio europeo a metano, aprirà la strada a una nuova generazione di lanciatori (Vega E e Vega E Light) che hanno lo scopo di aumentare la competitività della famiglia di piccoli lanciatori europei, avvantaggiandosi il più possibile delle tecnologie e delle infrastrutture sviluppate per i razzi Vega e Vega C.

L’M10 è un razzo a propellente liquido criogenico della classe delle 10 tonnellate, che combina ossigeno liquido e metano liquido e sarà l’ultimo stadio del lanciatore Vega E. Al punto di accensione normale e in stato stazionario, il motore M10 dovrà fornire 98 kN di spinta, con un rapporto di mistura dei propellenti di 3,4. L’impulso specifico minimo necessario è di 362 secondi. 

Il nuovo motore M10 a ossigeno e metano liquido per Vega E è stato testato con successo ieri nel poligono SPTF (Space Propulsion Test Facility) di Avio a Salto di Quirra in Sardegna. Il propulsore, sviluppato da Avio con una classe di spinta di 10 tonnellate, è il primo del suo genere ad essere testato con successo in Europa. M10 rappresenta, a tutti gli effetti, un motore green di nuova generazione, realizzato con tecnologie di additive layer manufacturing (ALM). Il motore M10 è parte dello sviluppo del lanciatore Vega E, un progetto coordinato dall’ESA (European Space Agency) finalizzato a qualificare la versione successiva a Vega C a partire dal 2026.

Vega E avrà prestazioni superiori rispetto a Vega C aumentandone flessibilità e versatilità riducendone i costi di lancio. A differenza di Vega e Vega C, Vega E avrà una configurazione a tre stadi. I primi due, P120C e Zefiro 40, saranno gli stessi di Vega C. Il nuovo motore M10, sviluppato e costruito da Avio a Colleferro con il supporto di altre aziende europee, equipaggerà l’ultimo stadio del futuro lanciatore Vega E. Il motore sarà ri-accendibile e a spinta modulabile per permettere manovre orbitali multiple, mentre la combinazione di ossigeno e metano liquidi lo renderà un motore più sostenibile a livello ambientale.

L’impianto di test LRE di Perdasdefogu in Sardegna, nuovo polo tecnologico creato da AVIO, è sorto a tempo di record per i test di motori criogenici. Con il nuovo motore M10, Avio è uno dei pochi player mondiali che dispone dell’innovativa tecnologia a propulsione criogenica a metano per applicazioni spaziali. Attraverso questa tecnologia sarà possibile sviluppare ulteriormente il range di prodotti e assicurare all’Europa l’accesso indipendente allo Spazio nel lungo periodo.

L’Amministratore Delegato di Avio Giulio Ranzo ha dichiarato: “Il successo del test del motore M10 rappresenta un momento storico per la nostra Azienda. Avio dimostra di avere a disposizione la tecnologia più innovativa e più sostenibile per la propulsione criogenica dei lanciatori del futuro. A partire da questo elemento tecnologico, Avio sarà così in grado di sviluppare una nuova generazione di prodotti particolarmente efficienti e competitivi. Mi congratulo con il team di Avio e di ESA per la qualità del lavoro svolto per arrivare a questo primo importante traguardo”.